Grazie di tutto

www.vogliorestare.itLa ragazza è seduta davanti al tavolo in marmo della sala, davanti a lei un quaderno aperto, una calcolatrice e degli scontrini.  Al suo fianco c’è il padre, mani sulle ginocchia e testa bassa. Dal corridoio che porta in cucina si sente un rumore di pentole.

-Ricapitolando abbiamo un debito di duemila e quarantuno euro.

– Punto tre. – dice il padre con un filo di voce.

-Punto tre cosa?

-Punto tre e basta, c’è scritto duemila e quarantuno punto tre, e credo che sia giusto tenerne conto.

La figlia lo guarda incredula

– Va bene punto tre. Papà, ci sono cinquantadue euro in più rispetto all’anno scorso

– Punto sei.- ribadisce il padre

– Punto sei, mi sta anche bene ma sono ben ottantatré punto tre euro rispetto a due anni fa. Vuol dire che prima dovevamo solo duemila e diciassette euro punto sei, ma non sono quei sei contesimi che fanno la differenza, capisci? Se continui a fare debiti a destra e a manca, l’anno prossimo avrai tremila euro di debiti, capisci?

-Si, mi dispiace. Non sono mai stato capace a tenere i conti e ora ci ritroviamo in questa situazione.

-Non importa papà, dimmi un po’: con chi abbiamo questi debiti?

Dalla porta sbuca la moglie, ha un vassoio con due tazzine di caffè, una zuccheriera e un cartoncino di latte.

-Diglielo, diglielo che hai chiesto un prestito.

-Si, allo zio, lo so- dice la ragazza versando un po’ di latte nel caffè.

– Macché settecento venticinque virgola tre li ha chiesti ad altri.

– Ma come ad altri? Ma chi sono questi altri? Non mi fate preoccupare per cortesia. Ma perché avete chiesto un debito ad altri? Con lo zio ci si può ancora parlare, è uno di famiglia, ma chi sono questi altri?

-Stranieri, che ne so.- dicendo questo la madre ritorna in cucina con le tazzine di caffè vuote

-Ma non potevate chiederli a me, scusate, questi 725 euro.

-E’ che io gli ho già detto che tu gli darai 35 mila euro.

La ragazza è rimasta con i fogli in mano, guarda il padre, è come se non riuscisse a metterlo a fuoco e poi si rimette a leggere il quaderno dei conti:

– Amministrazione locale: 115,5 miliardi. Di cosa scusa?

-Di euro.- il padre si guarda la figlia da sotto in su mentre la madre rientra prepotentemente nella discussione.

-Ma siamo migliorati: prima erano 118 miliardi di euro.

La ragazza si gira verso la madre e molto lentamente le dice

– Voi avete speso deumila e quarantuno miliardi di euro.

-Virgola tre. Ma è stato per mandarti a scuola, metterti l’apparecchio, portarti a sciare e al mare. Dovresti ringraziarci invece di aver sempre qualcosa da ridire.- La figlia fa per ribattere qualcosa ma la madre la precede. -E in Inghilterra per l’inglese, le scarpe nuove, il motorino, le ripetizioni.

– Si, ma io no ce li ho 35 mila euro, sono una precaria che lavora, se va bene, otto mesi l’anno. E poi, comunque, qualcuno dovrà ben dare tutti questi soldi quando voi non ci sarete più, e come facciamo? Vi siete già venduti le case della nonna, i terreni dello zio. Ma dove li trovo duemila miliardi.

-E quarantuno

-Virgola tre.- aggiungono i genitori e si alzano, la abbracciano, la baciano ed escono di casa.

– Grazie, cara, avevamo bisogno proprio del tuo sostegno, quando risolvi facci sapere.

E si chiudono la porta alle spalle. La ragazza, in piedi, davanti al tavolo in marmo della sala, legge il quaderno dei conti:

– Regioni: 46,7 miliardi, 6 miliardi in più in un anno, ovvero 1,58% in più che, se rimane costante, in tre anni diventa 64,7 miliardi ovvero 2106 tondi tondi di debito complessivo, ma i comuni  sono stati più bravi perché sono passati da 51 miliardi a 45,5 miliardi, quindi  6,5 miliardi in meno che in tre anni fanno 18, 5 e quindi il debito totale sarebbe di 2087,5 ma contando gli interessi, a quanto ammontano gli interessi? E le entrate? Eccole qui: entrate tributarie 113,050 miliardi l’anno, quindi a metà aprile del 2031 potrei aver saldato il debito se non faccio più debiti e non pago gli interessi. Ma cosa vuol dire questa cosa qua? Contabilizzate 29,2 miliardi, e quindi?Poi arrivano gli altri, oppure no? Portiamo avanti l’ipotesi più nera: a soli 29 miliardi l’anno ci metto settant’anni… senza fare spese e senza pagare gli interessi. Ma chi sono questi stranieri?

La ragazza si guarda attorno, chiude tutte le finestre con tanto di persiane, da i giri alla porta di casa.

-Duemila e quarantuno miliardi di euro… ma il bancomat papà me l’ha restituito? E la carta di credito?

Alla ragazza suona il cellulare, è arrivato un messaggio:

-Pensi che a tuo figlio possa piacere un monopattino nuovo? E dimenticavamo: come garante, gli stranieri hanno voluto anche la sua firma ma, visto che Giacomo non sa ancora scrivere, gli abbiamo messo la sua impronta digitale. Ti vogliamo bene. Mamma e Papà.

La ragazza sorride, risponde al messaggino, prende la sua giacca, la sua borsa ed esce senza chiudere la porta:

-Mi dispiace ma il debito da voi creato è troppo alto, prendo mio figlio e mi trasferisco altrove. Non è conveniente far parte di questa famiglia, cercherò famiglia più virtuosa altrove. Grazie di tutto. Arianna

Dal fatto: Debito pubblico più alto di sempre: 2.041 miliardi.

Annunci

Informazioni su Arianna

Mi chiamo Arianna Musso. Sono laureata al DAMS di Bologna e diplomata alla Scuola D'Arte Drammatica Paolo Grassi di Milano. Amministratrice della società di servizi per la Stampa 3D: ASTRATI SRL di Genova.
Questa voce è stata pubblicata in giugno e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...