Accerchiamento

27683-1

Autobus numero 20, città di Genova, 24 maggio 2013, ore 13.30.

Due signori coi baffi, la camicia e il cappello. Corpulenti e non più giovanissimi sono seduti  in fondo, sopra la ruota di sinistra guardando il guidatore. Uno dei due signori si protegge col palmo della mano destra il braccio mentre una borsa lo aggredisce. Si gira verso l’altro signore, si riconoscono e si sorridono.

A-Classe 36

B-Classe 41

A-Un ragazzo!

B-Ma mio fratello è del 36. Io sono il più giovane.

L’autobus si ferma, dei ragazzi entrano ridendo: ridono perché c’è puzza di pollo, ridono perché c’è caldo mentre stamattina c’era freddo, ridono perché non riescono a timbrare il biglietto.

A-Siamo accerchiati

B-Aumentano sempre di più

A-Se dovessero uscire tutti assieme, se dovessero organizzarsi e andare tutti per strada, in una stessa piazza, ci annienterebbero.

B-Per fortuna che non si riproducono.

A-Crede? A me sembra che si stiano riproducendo, vedo carrozzine ovunque, donne con la pancia che pretendono il mio posto sull’autobus.

B-E che poi non c’è lavoro e quindi vanno a rubare

A-O a drogarsi

B-E gli aperitivi? Se vede queste ragazzi, bevono e mangiano schifezze.

A-E poi si vanno a drogare

B-Tra un po’ non si potrà più girare per la strada.

A-Certo, vorranno le nostre pensioni, le nostre case.

B-Io ho sempre lavorato, mentre questi non lavorano e vorranno anche una pensione?

A-O una casa?

B-Come possono fare figli senza una casa?

A- Senza un lavoro?

B- Infatti secondo me, ché ché ne dica lei, non si riproducono… poi muoiono per le droghe, gli incidenti stradali e queste nuove malattie.  Moriranno prima di noi.

Due ragazzine poco più che tredicenni salgono sull’autobus. Una ha la pelle olivastra e parla velocemente, è un po’ gonfia come succede a molte neo adolescenti, ha i capelli neri e spessi tirati in una coda, una gonna jeans grossa e lunga fino a sotto il ginocchio, ha una giacca chiara di maglina e sotto una maglietta viola. La compagna è magra e vestita di chiaro, il suo inizio di adolescenza è accompagnato da una leggera peluria sopra il labbro. Parlano fitte fitte di qualche professore che si è arrabbiato per via di un’uscita al bagno. Non sono belle, sono in quell’età di mezzo in cui sono brutte sia come bambine sia come ragazze. E forse per questo ambigue. I due vecchi le guardano, intravedono quei seni acerbi, quei gesti a volte disordinati altre civettuoli.

B- A dire la verità lo spero.

A-Cosa?

B-Che muoiano

Una delle due ragazze ridendo cade pesantemente addosso al vecchio più vicino. Subito si rialza preoccupata.

B- Ma no, la prego, si sieda signorina, io tanto scendo tra due fermate.

Le adolescenti rifiutano una volta, alla seconda prendono il posto del vecchio, una seduta sull’altra.

Il vecchio sorridendo le guarda, gli occhi appesi a quelle scollature da educande. Le ragazze continuano a ridere di non si capisce bene di cosa, forse di niente, forse del volto del vecchio in piedi che ha distolto l’attenzione dalle loro magliette per guardare il soffitto dell’autobus, la bocca stravolta e un braccio sul cuore. Il vecchio è rigido e alla prima curva cade sbattendo la testa.

Da repubblica.it: Disoccupazione giovanile, Mario Draghi: “Minaccia per la stabilità sociale”

Annunci

Informazioni su Arianna

Mi chiamo Arianna Musso. Sono laureata al DAMS di Bologna e diplomata alla Scuola D'Arte Drammatica Paolo Grassi di Milano. Amministratrice della società di servizi per la Stampa 3D: ASTRATI SRL di Genova.
Questa voce è stata pubblicata in maggio e contrassegnata con , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...