ORCHI- Teatrogiornale di A.M. (con la collaborazione di Michele Olia)

immagine presa da internet

C’era una volta in una casetta tre fratelli: Ettore, Giovanni e Sebastiano. Un giorno Ettore trovò un cestino davanti a casa: dentro vi erano una scatola di cioccolatini, una bottiglia di vino, una di birra e un mazzo di fiori rossi e arancioni. Ettore portò il cestino dentro casa. Dei cioccolatini sapeva cosa farne: nascondersi sotto il tavolo e mangiarseli. Ma le bottiglie di vino e birra? Decise di lasciarle sopra il tavolo. I fiori? Bisognava regalarli a nonna Rina, detta Rana perché quando rideva faceva il verso della rana. Quindi uscì da sotto il tavolo, lasciando lì i cioccolatini, per portare i fiori rossi e arancioni alla nonna, dall’altra parte del parco.

Nel frattempo Giovanni entrò in cucina, aveva fame, erano già le quattro e nessuno l’aveva chiamato per far merenda. Non trovando niente sul tavolo (solo due bottiglie per adulti) decise di guardare dal lavandino, lì trovò un pezzo di pane, lo prese e si nascose, come abitudine dei tre fratelli, sotto il tavolo. E lì cosa trovo? I cioccolatini. Giovanni era un bambino buono e quindi andò a chiamare i suoi fratellini per dividere con loro il pane e il cioccolato. Sebastiano, il più piccolo dei tre, stava costruendo un aeroporto di Lego, aveva già costruito tre aerei ma voleva arrivare ad averne dieci. Quando arrivò Giovanni, Sebastiano, preso dal suo gioco, acchiappò una manciata di cioccolatini, tutti avvolti in una carta stagnola rossa, e se li mise vicino alla scatola dei Lego. Giovanni uscì di casa per andare a cercare Ettore.

Ettore, nel frattempo, stava dando i fiori a nonna Rana. La nonna appena li annusò tirò un urlo e disse:

-Questi fiori sono fiori di orco! Dove li hai presi?

Ed Ettore raccontò che li aveva trovati davanti alla porta di casa assieme al cestino.

-Presto

Disse la nonna.

-Dobbiamo andare a casa e buttare via tutto quello che c’era nel cestino, gli orchi odiano i bambini.

Ettore e la nonna corsero a casa. Sul tavolo la nonna trovò le bottiglie di vino e birra e subito le rovesciò nel lavandino. Appena il contenuto toccò l’acqua si alzò un fumo verde accompagnato da una piccola esplosione.

-Orchi!

Esclamò la nonna, sputando nel lavandino.

Ettore invece cercò i cioccolatini sotto il tavolo e, non trovandoli, corse il sala. In mezzo alla pista degli aerei c’era Sebastiano, con la faccia riversa su un aereo e con un mucchio di stagnole rosse vicino.

La nonna chiamò il 118.  Si aprì la porta della cucina. Era Giovanni, aveva la scatola dei cioccolatini in mano e la faccia tutta verde. La nonna gli corse incontro.

-Hai mangiato i cioccalatini?

Gli chiese.

– Si, ma solo uno.

Disse Giovanni e in quel mentre arrivò l’autoambulanza.

NINOOONINOOONINOOOOOOONINOOOOOOOOoooooooooooninoooooooooooooooo

A tutta velocità Nonna Rana e i suoi tre nipotini corsero verso l’ospedale. Arrivati, Giovanni e Sebastiano vennero portati via dai medici

-Per poterli curare per bene.

Disse la nonna mentre un poliziotto chiese ad Ettore dove avesse preso quei cioccolatini.

-Erano… erano davanti alla porta di casa, non so chi li ha messi, non volevo che Giovanni e Sebastiano stessero male.

Il poliziotto gli mise una mano sulla spalla e gli disse:

– Non è colpa tua Ettore, ma a volte gli orchi si travestono da uomini e donne normali, magari gentili. Non bisogna accettare da loro nulla, meno che mai i cioccolatini o le caramelle. Sono Orchi e gli orchi odiano i bambini. Gli orchi, le streghe, i lupi, pensiamo che non esistano e che abitino solo nelle fiabe, ma purtroppo non è così, essi vivono attorno a noi, a volte con noi.

-Ma perché gli orchi odiano tanto noi bambini, perché odiano Giovanni e Sebastiano?

-Non lo so, piccolo, non lo so.

E il poliziotto strinse a se Ettore, un bambino della stessa età di Sebastiano lo stava aspettando a casa.

Da corriere.it: Il bimbo morto per il cioccolatino avvelenato

Annunci

Informazioni su Arianna

Mi chiamo Arianna Musso. Sono laureata al DAMS di Bologna e diplomata alla Scuola D'Arte Drammatica Paolo Grassi di Milano. Amministratrice della società di servizi per la Stampa 3D: ASTRATI SRL di Genova.
Questa voce è stata pubblicata in marzo e contrassegnata con , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Una risposta a ORCHI- Teatrogiornale di A.M. (con la collaborazione di Michele Olia)

  1. Arianna ha detto:

    P.S. Michele Olia è mio figlio di 4 anni, visto che non mi lasciava scrivere abbiamo costruito questa favola assieme. Ricordo che tutti i fatti contenuti in questo articolo sono liberamente tratti da fatti di cronaca, ma comunque invenzioni letterarie che non vogliono ledere in alcun modo alcuno.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...